Inghilterra

FIRST CHOP

Il birrificio é stato fondato nel 2012 a Salford (Manchester), da Richard Garner, da sempre appassionato estimatore di birre artigianali. L’obiettivo del birrificio é di poter offrire le migliori birre possibili pur senza glutine: birre che possono essere apprezzate da chiunque, anche da chi non ha problemi di celiachia.

La linea di First Chop, prevede diversi stili, dalle piú dissetanti Session Ipa, alle Golden Ale, no alle Ipa ed a una Pale Ale con l’aggiunta di mango per arrivare ad una piú classica Oatmeal Stout.

Tiny Rebel

Fondata nell’aprile 2012 da due ingegneri, Gareth “Gazz” Williams e Bradley Cummings a Newport, Galles, rappresenta una delle realtà più moderne e dinamiche gallesi. Gareth eredita la passione dell’homebrewing dal nonno, ma la mette in pratica solamente nel 1996 assieme al cognato Bradley che, dalle lager del supermercato, viene convertito a bere real ales in cask e coinvolto in esperimenti di homebrewing in garage. Il sogno di aprire un microbirrificio si concretizza con l’acquisizione di uno stabile di 3000 metri quadri nell’area industriale di Maesglas, nel quale trova posto un impianto da 15hl. L’avventura parte con due birre: la pale ale Fubar e la Urban IPA, rapidamente affiancate da altre, incluso le immancabili “barrel aged”, che iniziano ad essere distribuite in alcuni pub della zona. Nell’agosto 2015 al Great British Beer Festival, la Cwtch non solo vinse nella categoria Best Bitter, ma conquistò il titolo di Supreme Champion Beer della Gran Bretagna.

MOOR BEER CO

Moor è un birrificio che si fa ricordare. Non per la potenza dei suoi prodotti, ma al contrario per il loro grandissimo equilibrio e per la capacità di giocare con la tradizione e l’innovazione come pochi sono in grado di fare.

Le ale di Moor riescono a interpretare la più profonda identità d’oltremanica – leggerezza alcolica, scorrevolezza e grande beverinità, costante base maltata ben in evidenza – in modo contemporaneo attraverso una ricerca continua di profumi e freschezza costruita attraverso l’utilizzo di luppoli intensi e di provenienza spesso esotica.

THE KERNEL BREWERY

The Kernel è uno dei produttori più interessanti nel panorama dei birrifici indipendenti inglesi. Aperto all’inizio del 2010 da Evin O’Riordain (ex dipendente di Neil’s Yard) si trova nei pressi della stazione di Bermondsey proprio vicino ai magazzini del più importante affinatore di formaggi d’Inghilterra e ai laboratori dove viene tostato il caffè di Monmouth. Sebbene molto giovane Kernel è diventato uno dei più importanti birrifici della città e del Regno Unito, raccogliendo consensi con velocità sorprendente,  grazie alla capacità del birraio di spaziare tra stili classici e nuovissime interpretazioni.

THOMAS HARDY'S

Thomas Hardy è stato un poeta e scrittore britannico, morto nel 1928.

All’interno del romanzo, Thomas Hardy descrisse la Strong Beer che nobili e borghesi di Dorchester amavano:

“Era del colore più bello che l’occhio di un artista potesse desiderare per una birra: robusta e forte come un vulcano; piccante, senza essere pungente; luminosa come un tramonto d’autunno; dal sapore uniforme, ma, alla fine, piuttosto inebriante. Il popolo l’adorava, la gente per bene l’amava più del vino…”

Fu così che il birrificio Eldridge Pope decise, nel 1968, di commemorare il quarantesimo anniversario dalla morte dell’autore attraverso la realizzazione della birra che questi aveva immaginato; la scintilla che ispirò il birrificio fu il rinnovamento, proprio nel ’68, del “Trumpet Major” pub di Dorchester, città che diede i natali a Thomas Hardy.

Nata come “one shot”, la Thomas Hardy’s Ale torno in produzione a partire dal 1974, mantenendo sempre le proprie incredibili caratteristiche: produzione limitata, bottiglie millesimate e numerate, possibilità di maturazione in cantina fino a 25 anni.

Nel corso degli anni la produzione è stata interrotta e ripresa per diverse volte, in seguito agli elevati tempi e costi. La svolta arriverà nel 2012, quando i fratelli Vecchiato decisero di acquistarne il marchio e la ricetta.

Dopo anni di ricerca, sviluppo ed investimenti, finalmente nel 2015 la produzione di Thomas Hardy’s Ale riprende, in Inghilterra ovviamente, e la leggenda torna ad essere realtà

 

LEGITIMATE INDUSTRIES

Il birrificio di Leeds, inaugurato solo alla fine del 2015, si é giá fatto notare per la qualitá delle sue birre, grazie alla guida del birraio Matt Howgate, conosciuto per i suoi trascorsi al birrificio Marble di Manchester.

Legitimate Industries, fa parlare di se’ oltre che per l’alto livello dei suoi prodotti anche per i nomi stravaganti dati a questi ultimi, che si pongono sul mercato con una grafica accattivante riferita a “dubbie attivitá economiche”.

BUXTON BREWERY

Buxton é una cittadina termale nel Derbyshire, all’interno del Peak District National Park, una grande area montuosa che rappresenta il piú grande parco naturale del Regno Unito. Il birrificio Buxton, viene fondato nel 2009 da Geoff Quinn, al quale si devono le prime produzioni, i nomi delle quali, erano all’inizio ispirati al territorio. Ogni anno il birrificio é presente nella classifica dei migliori birrifici al mondo secondo i siti di rating e alcune delle sue birre sono diventate autentici punti di riferimento per il settore.

 

MARBLE

Nato nel 1997, Marble é uno dei birrifici che hanno contribuito al rilancio della scena birraria inglese, di cui Manchester é uno dei fulcri. Qui hanno fatto scuola alcuni dei birrai, poi passati ad altri birrifici, che stanno dando un forte contributo a mantenere viva la tradizione britannica, rinnovandola.

L’ispirazione é decisamente anglo-americana, con molte produzioni che strizzano l’occhio alla West Coast degli Stati Uniti, ma la mano inglese é evidente.
Tanta strada é stata fatta dal birri cio dal momento dell’apertura, nel retro dell’Arch Inn Pub, e oggi a distanza di 20 anni, possiamo affermare che Marble sia un punto di riferimento nel panorama brassicolo mondiale