Italia

Birrificio Amerino

Il birrificio Amerino parte dalla grande passione per la birra artigianale di qualità.

Le nostre prime produzioni avvennero a metà del 2015 come “brew firm” appoggiandoci su impianti di birrifici amici.  Ma chiaramente questo non ci bastava, era limitante, non potevamo seguire e modificare dettagliatamente le nostre ricette e non potevamo averle sottomano tutti i giorni. non ci poteva bastare. Non ci voleva bastare. Volevamo la libertà in un impianto di cui si è titolari, di cui si conoscono caratteristiche e modalità di funzionamento, grazie al quale si può conseguire un’effettiva costanza nella caratterizzazione e nell’esecuzione delle ricette.

Il nostro sogno, la nostra mission fin dal principio è sempre  stata basata sulla forte sperimentazione e sulla reinterpretazione di tanti stili di birra provenienti da tutto il mondo e anche, perché no, la nascita di un nuovo stile tutto nostro, tutto Italiano.

Ecco questi sono gli elementi che perseguiamo e che cerchiamo sempre di raccontare a chi beve le nostre birre e non necessariamente parlandone, basta bere Amerino per capire il nostro carattere.

 

Brewfist

BrewFist nasce nel 2010 dalla passione per la birra.
Il progetto si basa sul produrre birre originali, di grande bevibilità e qualità.
BrewFist è sempre alla ricerca di nuovi ingredienti, nuove tecniche e nuove idee…
Con un grande obiettivo: More Beer, More People

No Tomorrow

No Tomorrow Beer. Giovani, giovanissimi, appena nati. Come birrificio, non certo come età. Sporchi, brutti e pure un po’ incazzosi. Tre birrai e un esperto di comunicazione, due bresciani e due bergamaschi, appassionati e consumatori di birra da almeno una decina d’anni e sempre intenzionati a creare una nuova realtà produttiva-distributiva. Che sia diversa dalle altre, come differenti saranno le nostre birre, che promettono di essere irriverenti, sempre al limite tra scherno e facezia, tentando di non prestare mai il fianco a eventuali critiche, se non per il comportamento fuori dagli schemi che, causa ingordigia d’attenzione e smisurata ambizione. L’idea Pogue Mahone – traduzione necessariamente volgare, dal gaelico – nasce negli ultimi mesi del 2014,raggiungendo standard qualitativi altissimi, utilizzando malti e luppoli di primissima scelta. La società vede la luce però a giugno 2015. Attualmente non possiedono un birrificio di proprietà, ma hanno la possibilità di accedere a un impianto da 1500 litri dove i birrai firmeranno i progetti ed eseguiranno materialmente tutte le fasi della produzione. Non si può quindi chiamare beer firm, termine improprio per giudicare una realtà come questa, quasi rivoluzionaria nel suo insieme.

Birrificio Dei Castelli

Situato in  Arcevia, in provincia di Ancona, a 535 m s.l.m., uno dei comuni più vasti delle Marche e sulle cui colline sorgono ben nove splendidi castelli Medioevali che sovrastano il territorio circostante e proteggono il nostro birrificio.

Il Birrificio dei Castelli è un laboratorio in continua evoluzione che ha come obiettivo la ricerca di un prodotto realizzato nel rispetto della tradizione brassicola, senza alcun processo di filtrazione e pastorizzazione.

Nella realizzazione di ogni nostra birra ricerchiamo l’equilibrio e la scorrevolezza attraverso un’accurata scelta delle materie prime, lunghi tempi di produzione e maturazione, cura del dettaglio e pazienza.

Oltremondo Birrificio Contadino

Inizia tutto nel garage di casa insieme ad amici e famigliasperimentando il «gioco» della birra… coltivando quell’idea di farsi la birra da soli, il gioco cresce e diventa un sogno, un progetto di lavoro, di vita.

Nel 2011 Filippo insieme a Matteo e Riccardo  prendono in affitto un piccolo appezzamento di terreno ed iniziano a coltivare orzo da birra dando inizio al progetto Oltremondo Birrificio Contadino.

Alla fine del 2014 dopo sacrifici e sperimentazioni l’appezzamento in affitto è un’azienda agricola di 53 ettari e finalmente il birrificio inizia la produzione, sempre accompagnati da amici e famiglia con quella voglia di sperimentare e stare insieme come nel vecchio garage.

A febbraio 2015 le prime 6 birre prodotte Maesa, Ventora, Mamana, Rola, Brugla e Nuzziale iniziano ad apparire in locali e negozi che hanno deciso di collaborare con il progetto Oltremondo, nello stesso anno l’azienda agricola inizia un progetto di conversione al biologico.

Oggi le birre prodotte con Mareggia, Ripa, Mamana Fresh Hop e Maffetta sono 10.

Almond 22

 

Era il 1999, l’anno in cui curiosando in un festival in un borgo antico abruzzese vidi dei ragazzi intorno a un pentolone e mi avvicinai preso dalla mia solita curiosità.

Facevano birra, io non sapevo si potesse fare birra a livello hobbistico.

Quel profumo dolce e intenso di crosta di pane,miele, cereali ed erbaceo floreale dei luppoli fu una rivelazione.

Tornai a casa con l’idea fissa di provare a fare la birra in casa.

Nel 2002 decisi di aprire un bistrò dove proporre la mia idea di cucina e invece mia moglie Valeria mi convinse ad aprire un birrificio.

Almond’22 inizia a produrre birra nel 2003.

Yuri Ferri .

Le Tre Fontane

L’abbazia delle Tre Fontane è situata a Roma nel luogo sacro dove si ricorda il martirio di San Paolo avvenuto nel 67 d.C.

Oggi tutta la zona è circondata da splendide piante di eucalyptus che i monaci trappisti piantarono con successo a partire dal 1870 per favorire la bonifica della zona, allora malarica.

Molto più recentemente, grazie al ritrovamento di una vecchia ricetta, è iniziata la produzione della birra che si avvale della secolare sapienza dei monaci dell’abbazia. Per affinarne la qualità sono trascorsi alcuni anni di intenso lavoro e, finalmente, a Maggio del 2015 le è stato attribuito il marchio ATP (Authentic Trappist Product).

Hilltop Brewery

Un nuovo birrificio è nato a Bassano Romano nel Viterbese .

Il loro scopo è produrre birre di qualità e di far conoscere questo mondo , un mondo senza fine nel quale ci si può perdere senza il bisogno di ritornare.

Scienza, lavoro manuale e creatività fanno parte del loro progetto e delle
loro birre.  Il loro obiettivo e di produrre birre semplici, cercando sempre di convertire il prossimo a spingersi a provare qualcosa che non ha mai assaggiato.

Da Agosto 2014 sono pienamente operativi nel nuovo birrificio nella zona artigianale di Bassano Romano e tutte le  birre sono prodotte lì.  Se bevete Hilltop Brewery state bevendo locale e state partecipando alla creazione di un nuovo microbirrificio.  Quindi, perditi nel bicchiere; perditi nella birra artigianale.

IL Mastio

Il Birrificio Il Mastio prende il suo nome dalla torre principale del castello medioevale di Urbisaglia, centro storico e culturale della Regione Marche.
Il legame del birrificio al territorio è molto forte e si realizza nell’utilizzo di gran parte delle materie prime di propria produzione e provenienti dal Maceratese.
Tutte le birre prodotte nel nostro birrificio sono crude e quindi non pastorizzate, ad alta fermentazione e (volutamente) non filtrate. Esse vengono rifermentate in bottiglia o in fusto e, soprattutto durante la stagionatura, si arricchiscono di quei sapori ed aromi che le renderanno uniche nel loro genere.
Ogni sorso di birra, con il suo gusto ed i suoi profumi, è un viaggio nelle Marche e nelle sue tipicità:
Questa è per i fratelli Nabissi la Birra Artigianale.

Opperbacco

Luigi Recchiuti fondatore del birrificio è  laureato in Scienze Agrarie presso la facoltà di Bologna.
Fare l’agronomo non mi piaceva e cercavo qualcosa che mi appassionasse, che permettesse alle mie idee di potersi esprimere e di poter arrivare a più persone possibile..

Quando ho iniziato a produrre birra in casa, ho capito quale doveva essere il mio lavoro: il birraio.
Da quel giorno sperimento nel mio birrificio per realizzare birre che piacciano prima di tutto a me.”

L’impianto di produzione è un 20 ettolitri realizzato dietro mie specifiche. L’ho voluto semplice, a due tini, per farlo entrare nel limitato spazio a disposizione. con una sola pompa, adottando gli stessi principi di quando facevo la birra a casa.

Toccalmatto

Birra Toccalmatto ha iniziato le sue produzioni a Fidenza nell’Ottobre del 2008 con un impianto da 550 Litri per cotta. Si tratta del coronamento del sogno personale del fondatore Bruno Carilli, che dopo varie esperienze manageriali nell’industria alimentare ed in particolare nell’industria birraria, ha maturato l’idea di iniziare a produrre birra artigianale. Dalla passione  per le birre vive di tradizione belga e britannica parte un progetto con altri tre amici, e l’inizio di questa nuova avventura.

Siamo alla fine del 2014, e il nome Toccalmatto si è fatto strada. Ospiti fissi nelle taplist dei migliori locali del mondo, premiati e apprezzati in nazioni dalla cultura birraria secolare come Belgio, Inghilterra e Germania, sempre presenti nei più prestigiosi festival internazionali; le richieste da mercati esigenti come Stati Uniti, Giappone e Australia sono in continua crescita, tanto che l’impianto “storico” dove tutto è nato comincia a stare stretto.